You are here: Home Golfo dei Poeti  > Portovenere

Portovenere

Portovenere

Nell’estremità occidentale del Golfo dei Poeti, Portovenere, patrimonio Unesco dell’Umanità, è l’anticamera naturale delle Cinque Terre. La dirimpettaia isola Palmaria accresce la bellezza paesaggistica del borgo, la cui attrazione principale è la Chiesa di San Pietro. Al borgo di Portovenere si accede da Piazza Bastreri, attraversando la storica porta inserita nella cinta muraria del Castello Doria e situata accanto alla Torre Capitolare del 1161. Si apre un tipico carruggio ligure, con case dalla facciata colorata e portali in ardesia, negozietti di artigianato e leccornie locali. Terminato il carruggio, la spianata acciottolata di piazza Spallanzani, dove sorgeva il “Castrum Vetus” pre-romano, vi conduce alla chiesa di San Pietro, unica nel suo genere.

 

Cosa vedere a Portovenere

 

Chiesa di San Pietro PortovenereChiesa di San Pietro: è un tutt’uno con lo scoglio su cui si erge, protesa nel mare aperto delle bocche di Portovenere. L’edificio religioso risale al 1198, in stile gotico-genovese a fasce bianche e nere, ma sorge sulle rovine di un preesistente tempio pagano dedicato alla dea Venere e su quelle di una basilica paleocristiana siriana, i cui nuclei sono ancora visibili all’interno. L’interno è spoglio ma elegante nella sua umile dignità, spicca un semplice altare in marmo bianco. Il 17 agosto non perdete lo spettacolo per la festa patronale della Madonna Bianca: al tramonto, si accendono migliaia di candele che illuminano nella notte il promontorio di San Pietro, la Chiesa e la grotta Byron.

 

Grotta Byron Portovenere
Grotta Byron: proprio alle spalle della Chiesa di San Pietro si trova un’insenatura rocciosa, la cui bellezza, come suggerisce il suo nome, ha ispirato i versi del poeta londinese Lord Byron, che soggiornò in paese nel 1822, interrompendo il suo viaggio verso Genova per godere delle bellezze del Golfo dei Poeti. Una porta inserita nella cinta muraria vi permette di accedere e scendere nella vasta grotta, dove poter apprezzare il panorama e respirare il salmastro che il forte vento porta con sè. Ma in estate qui potete dedicarvi tranquillamente ai bagni e ai tuffi dagli scogli, alle immersioni subacquee e alle esplorazioni a bordo di una canoa. Sopra i terrazzini della Grotta, incontrerete all’improvviso la statua di Madre Natura, assorta in contemplazione ad ammirare il mare.

 

Castello Portovenere

Castello Doria: dalla statua di Madre Natura si sale, seguendo l’acciottolato, fino al dominante Castello Doria, citato per la prima volta in un documento del 1240 ma la cui data esatta di edificazione rimane sconosciuta. Si tratta di una fortezza a carattere difensivo, straordinariamente panoramica, dotata di alte mura, che iniziano proprio nel borgo situato in basso. L’edificio è costituito da due blocchi principali: un blocco inferiore con la porta d’ingresso nel borgo e camminamenti e uno superiore con le strutture difensive del ‘500, la Sala ipostila e la Casa del Capitano. Tutt’intorno si trovano bastioni e garitte da cui è possibile ammirare San Pietro, grotta Byron, il borgo e l’isola Palmaria. Da qui passano numerosi sentieri che portano al Muzzerone, Campiglia e le Cinque Terre.

 

Chiesa di San Lorenzo Portovenere

Chiesa di San Lorenzo o Madonna Bianca: è l’edificio religioso principale di Portovenere e si trova vicino al Castello Doria. L’edificio fu innalzato a partire dal 1098 per volere dei genovesi, in stile romanico, sopra le rovine di un tempio dedicato a Giove. Qui si venera la Madonna Bianca perchè, secondo la leggenda, nel 1399 durante un’epidemia di peste, un certo Lucciardo, un paesano, invocò davanti ad un’immagine raffigurante la Vergine Maria la fine della funesta malattia e, improvvisamente, i colori del quadro si ravvivarono, splendendo di nuova luce. Vedendo nello strano fenomeno un probabile evento miracoloso, il dipinto fu portato nella chiesa di San Lorenzo dando inizio alla devozione dei fedeli verso l’immagine e verso la Madonna Bianca.

 

Info Utili

Per arrivare a Portovenere avete due possibilità:

  • Auto: dal centro di La Spezia, dopo lo stadio A. Picco prendere la SP 530 Portovenere. Si consiglia di parcheggiare in località Cavo, dove un comodo servizio di girobus vi porterà in paese. Il girobus effettua i seguenti orari: nei mesi di marzo, aprile, maggio, giugno, settembre il bus è disponibile il sabato dalle 14.00 alle 20.00, la domenica e festivi dalle 10.00 alle 20.00; invece nei mesi di luglio e agosto, tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00, sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 24.00.
    Oltre al girobus, Portovenere è servita dagli autobus di linea ATC che partono da La Spezia.
  • Collegamenti marittimi: in partenza da La Spezia, Lerici, Cinque Terre, Tigullio, Versilia
    tramite il www.navigazionegolfodeipoeti.it Tel. 0187 732987. In loco è presente anche il Trasporto Pubblico Isola Palmaria del Consorzio Barcaioli Porto Venere Service che effettua collegamenti all’isola Palmaria Tel. 347 8024817.

Portovenere spiagge: oltre a poter fare il bagno presso gli scogli del molo, di San Pietro e di Grotta Byron, Portovenere è dotata di spiagge e stabilimenti balneari. Questi ultimi si trovano soprattutto lungo la via Olivo e mettono a disposizione anche pontili da cui tuffarsi, mentre in località Olivo e Cavo ci sono spiagge libere, adatte ai bambini.

Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica: Piazza Bastreri, Tel. 0187790691

Golfo dei Poeti: Portovenere Hotel Portovenere Alberghi, Portovenere Bed and breakfast. Lista di residence appartamenti agriturismo a Portovenere Prenotazione online hotels a Portovenere Golfo dei Poeti

I MIGLIORI HOTEL A Portovenere

Altre strutture