Tragica mareggiata a Manarola

Ancora una tragedia del mare alle 5 Terre. Il 27 settembre una giovane coppia di turisti americani viene travolta da un'onda sulle scogliere di Manarola; il giovane riesce a risalire sugli scogli seppure ferito ma Sarah Scherer non riesce a mettersi in salvo e dopo alcuni interminabili minuti smette di muoversi e muore annegata nonostante l'intervento dei mezzi di soccorso della guardia costiera e Vigili del Fuoco Accade troppo spesso da queste parti...il mare agitato è uno spettacolo affascinante ma molto pericoloso, specie per chi, non del luogo, non conosce l'andamento ciclico onde. E' meraviglioso sentire il salmastro del Libeccio sulla pelle, abbandonarsi per ore al maestoso spettacolo dei frangenti...perchè non andare un po' più giù...avvicinarsi per farsi avvolgere dal frastuono...assorbire un po' della potenza del mare...tanto lì non arriva l'onda, non può arrivare... Ma ..nulla è più traditore del mare che cresce spinto dagli impetuosi venti da Mezzogiorno...noi la chiamiamo "Galegiada" quel momento di calma apparente tra una"filata" di onde e la successiva che sarà più forte della precedente...e poi aspettiamo la prossima, augurando ai nostri occhi di poter ammirare un'onda ancora più grande e ancora di più...stiamo nei posti dove si può stare, lontani dagli artigli dell'onda che, sappiamo bene, non perdona. Un'altra anima da piangere nelle notti di pesca... nella meravigliosa solitudine delle lunghe miglia di mare che ci separano da quegli scogli...su cui ci arrampichiamo per vivere...e da cui l'anima della giovane sposa americana ha spiccato il suo volo verso l'eternità. Andrea S.
Close Comments

Comments (2)

  1. Da genovese , so che il mare puo’ essere affascinante, ma quando è mosso ci si dovrebbe accontentare di guardarlo da lontano: è imprevedibile e traditore.
    Mi spiace che ancora una volta abbia fatto una ennesima vittima.
    Porgo le mie condoglianze a chi voleva bene a questa giovane sposa di nome Sarah.
    Un saluto a te Andrea.
    Dadda.

  2. Andrea, we are home now–and just wanted to tell you how good it was to talk with you when we met that day. I will never forget your kindness.

    Christine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *