Le Cinque Terre

Sciacchetrail alle Cinque Terre

Alla fine di Marzo, esattamente domenica 29, ci sarà la prima edizione dello Sciacchetrail, una gara di trail running che verrà corsa lungo i sentieri delle Cinque terre…tra cielo e mare, tra vigneti, uliveti e macchia mediterranea!

Innanzi tutto è curioso sapere che è nato prima il nome del tracciato di gara, un nome che celebra un famoso e ottimo passito che da secoli viene prodotto alle Cinque terre, uno di quei prodotti che richiama passato in cui eroicamente i contadini hanno disegnato il territorio con quei terrazzamenti a picco sul mare che hanno reso celebre in tutto il mondo il nostro territorio. Un nome che celebra anche il trailrunning, la corsa sui sentieri sterrati, praticata da un numero sempre più ampio di persone che amano allenarsi a contatto con la natura, tra le bellezze che ci offre e le difficoltà e gli ostacoli che ci pone innanzi.

Altrettanto curioso è sapere che il progetto ha preso forma all’alba, tra le tante albe che un piccolo gruppo di runners “sgarruppati” (di cui sonoorgogliosa di far parte) ha visto da un sentiero, spesso neanche tracciato sulle carte, che dal cimitero di Volastra va verso il Santuario di Montenero, il Telegrafo e volendo anche verso Portovenere: la strada dei Santuari, che offre scorci e vedute mozzafiato, panorami che non possono stancare e non stancano mai, neanche chi li ha dinnanzi tutti i giorni, come noi! Ed è proprio questa capacità di sorprendere e stupire ogni giorno senza stancare mai di ogni veduta, ogni scorcio, ogni colore e ogni rumore, la consapevolezza ogni giorno, ogni alba, ogni allenamento di trovarsi davanti ad un prodigio della natura hanno fatto si che da un idea nascesse un progetto concreto. Quando tutte queste emozioni ti invadono, senti il bisogno di condividerle con gli altri, e la necessità di condividere che si sposa con l’orgoglio di appartenere a tutto ciò, hanno fatto nascere l’ idea che ha dato vita al progetto. Un progetto ambizioso quello dello Sciacchetrail, che promuove un territorio unico (peraltro già promosso patrimo io mondiali dell’umanità dall’ unesco)… una promozione diretta proprio a chi ama mettersi alla prova con quello che la natura offre, con un territorio a tratti aspro ostile e faticosissimo per chi lo vuole correre come per chi lo vuole coltivare…..viticoltori e runners.

Silvia Barani

[foto e video di Christine Godfrey ]